In cucina la femminilità è sotto una velina

Giardino Segreto ospita Isabella e i suoi “sartoriali” fascinetor, li ho scelti perchè sono sogni tra i capelli che come gioielli preziosi si possono custodire dentro le mie cappelliere. Entrambi pezzi unici confezionati unicamente con materiali di recupero, diventano l’oggetto del desiderio per un esclusiva femminilità: nasce da questa esperienza una nuova produzione “Le Parisienne” destinata alla cerimonia, ai giorni speciali o ai regali esclusivi.
Sono ispirati agli anni 40, allo spirito delle donne di quell’ epoca che hanno sfidato la penuria e le distruzioni per restare eleganti. Parto da qui per raccontarvi questo nuovissimo post perchè la moda del passato domina indiscutibilmente le odierne scelte stilistiche e spesso le idee partono proprio da lei, ma come sempre anche in questo articolo non trascuro la cucina.

Vanessa Vivoli

Ho scelto le ricette artusiane del libro “La Scienza in Cucina” ad accompagnarci, perchè è in questi anni che il libro è all’apice della sua fama, è la bibbia della nascente borghesia che riesce più facilmente a mettere in pratica i suoi consigli culinari. Le ricette partono da un’edizione del 1920 ereditata da mia nonna che a sua volta era di sua zia. Fu lei a dirmi che nella sua famiglia il libro non fu più di tanto sfruttato, perchè durante la guerra era difficile trovare tutti gli alimenti richiesti nelle ricette. Se analizziamo attentamente tutti i piatti scelti da Artusi, notiamo che quelli con una forte connotazione “popolare” sono banditi: la cucina di Artusi è una cucina essenzialmente borghese, descritta da un borghese e rivolta ad altri borghesi. Non c’è posto -ad esempio- per tutto quel repertorio di minestre e polente a base di cereali considerati all’epoca “inferiori” come il farro, l’orzo e il  miglio, che avevano invece costituito un’ancora di salvezza per intere generazioni di contadini. Bisognerà attendere la rinascita dalle macerie per poter avere nella dispensa di casa cibo diversificato da trasformare in una vera e propria ricetta.

img_1517-644

img_1543

img_1526-644

La Seconda guerra mondiale coincise con un periodo di gravi incertezze per l’Alta Moda, l’abbigliamento era regolato da norme severe, che stabilivano il numero massimo di metri di stoffa con cui un cappotto o un vestito potevano essere confezionati. Gli abiti inevitabilmente si accorciarono e diventarono più smilzi, i tessuti sono poveri e sembrano voler imitare le divise dei soldati al fronte, sono abiti votati alla semplicità. Le calze di naylon scarseggiano, per sopperire alla mancanza, le donne si fanno disegnare una linea sul polpaccio così da simulare la presenza del collant. I colori dei tessuti sono decisi, marrone, verde o cammello, pochi decori e rigorosamente a tinta unita.

img_1684-bn

img_1363

Gli anni posteriori alla seconda guerra mondiale sono lunghi periodi di miseria ma anche di tanta voglia di rinascita, periodi in cui tutto  il mondo vive momenti duri che richiedono sforzi ingenti ma ciò che li caratteriza più di tutto è la voglia di rincomincia re. E’ nei momenti di crisi che ci si ingegna per crearsi un lavoro e la creatività è sempre una grande risorsa. Il cappellino acquista valore: viene realizzato con materiali di risulta e scampoli di stoffa; il più possibile elaborato, aveva il compito di essere indossato per distogliere l’attenzione da un abito mediocre o vecchio. Grazie al mercato nero che scambiava spiccioli e patate dell’orto con pezzi di stoffa, nascono in questo periodo piccole sartorie che riportano l’abbigliamento alla femminilità che gli spetta.

img_1438

img_1497

img_1409

img_1598

img_1478-644

In Italia, la donna post anni 40 è superfemminile e semplicemente chic, ha uno stile che credo avesse avuto in questi anni proprio lo scopo di riscattarsi da quell’austerità che conseguiva alla guerra, mirava a valorizzare il buon gusto e la raffinatezza.

img_1612

img_1616-644

Ogni stile ha avuto nel momento della sua comparsa un significato, prendiamo per esempio lo stile del periodo fascista, esso aveva intuito l’importanza della moda come strumento di consenso politico ed impose la “donna anticrisi” che con le sue forme prosperose simboleggiava il benessere garantito dal fascismo, a differenza del modello femminile francese, esile e minuto. A conferma dell’importanza politica ed economica attribuita alla moda dal Fascismo, nel 1932 fu fondato l’Ente nazionale della Moda con il compito di certificare l’“italianità” della produzione nazionale.

img_1416-bn

img_1449

Le  Sorelle Fontana rappresentano, negli anni della rinascita italiana, una nuova realtà fondata unicamente sulle loro capacità e sulla voglia di credere in un sogno, di riuscirci dopo tante sofferenze portate dagli orrori della guerra.
Tasformarono l’energia creativa italiana in un prodotto di successo, fine ed elegante, amato dalle dive di Hollywood. La moda italiana possedeva le caratteristiche richieste per poter soddisfare il mercato mondiale: una lunga tradizione artigianale, garanzia della qualità dei materiali e delle confezioni e non da meno l’italia possedeva in quegli anni un’abbondante forza lavoro per di più a basso costo.

img_1669-644

Dopo la guerra, Parigi tornò a essere la capitale mondiale della moda. Il suo ritorno sulla scena internazionale avvenne nel 1945 con il Théâtre de la Mode,  una “sfilata” itinerante con più di 150 bambole di filo di ferro vestite con abiti di alta moda realizzati dalle case di moda francesi. Due anni dopo, Christian Dior lanciò la sua prima collezione, soprannominata «New Look»,  in cui ogni traccia delle sofferenze e delle ristrettezze belliche era scomparsa.

img_2214

644

img_2187

img_2221-scattola

Dior aveva in mente una donna signorile, raffinata e romantica che si ispirava all’epoca della grandeur francese. Puntava sulla perfezione puntigliosa ed esclusiva del taglio, su una linea che modellava il corpo femminile tornando alle spalle morbide, alla vita di vespa e alle gonne lunghe. Seno in evidenza, fianchi tondi, gonna immensa, l’abito di Dior era falsamente naturale, ma nascondeva sotto il tessuto pregiato imbottiture e rinforzi. Amante del bianco e nero, prediligeva per gli abiti da giorno linee più caste, mentre per quelli da sera, scollature profonde e metri di tulle. L’aspetto ultrafemminile delle creazioni di Dior era accentuato anche dai dettagli: obbligatori guanti, scarpe col tacco e cappelli anche appariscenti.

img_2264-bis-644

Gli anni 40, sono allo stesso tempo il glamour che splende di Lauren Bacall e dell’età d’oro di Hollywood ma sono anche, le donne ordinarie che per necessità lavoravano in fabbrica, che si occupano della famiglia, delle gonne sagge all’altezza del ginocchio e degli abiti pratici, legati ancora ad un contesto di guerra.
Alla fine della guerra i governi facevano pressione affinché lasciassero le attività intraprese e tornassero esclusivamente alle loro mansioni “naturali”, la cura della famiglia e del focolare. Molte accolsero l’invito, altre dovettero adattarsi a svolgere quei compiti che gli uomini rifiutavano, altre ancora non vollero più tornare agli antichi ruoli.

img_1856-bis

img_2096

img_1953

Artusi inizia circa così il suo celebre scritto: ” .. é bricconcella; spesso e volentieri fa disperare, ma da anche piacere..” non parla della donna, ma della cucina. In questo post Artusi mette a tavola solo donne per una cena divertente e insolita dai colori femminili e svolazzanti come piume.

img_1873

Per raccontarvi la prima ricetta siamo andate a fare una merenda con le bambine in uno storico Bar di Imola dove abbiamo mangiato le Pastine pel thè n.634/790. Le ho scelte perchè incuriosita dall’introduzione che Artusi fa alla ricetta, mi aspettavo delle pastine nel senso odieno del termine in realtà sono biscotti secchi da inzuppare.
” Mistress Wood, un amabile signora inglese, avendomi offerto un the con pastine fatte con le sue proprie mani, ebbe la cortesia, rara nei cuochi pretenziosi, di darmi la ricetta che vi descivo, dopo averla messa alla prova ”
La ricetta originale usa la farina d’Ungheria,  si tratta di una farina di grano finissima, molto ricca di glutine. Può essere sostituita con  la firina Manitoba.

img_1931nlk

img_1920

img_2071

img_1915

Nonostante sia un libro di cucina decisamente datato, mi piace leggere l’Artusi per gli anedotti che inserisce nella spiegazione di ciascuna ricetta che risultano essere ancora estremamente moderni e contemporanei a differenza delle ricette. All’epoca della prima edizione, pubblicato per la prima volta nel 1891, a spese dell’autore, l’unificazione del Paese era più virtuale che effettiva: in pochissimi parlavano italiano, gli infiniti particolarismi regionali e l’acceso campanilismo vanificavano gli sforzi unificatori dell’amministrazione sabauda. Il merito di Artusi non fu solo quello di dare una patria gastronomica alle classi medie ma anche quello di scrivere in un modo accessibile a tutti, non in un italiano ricercato che era conosciuto da pochi eletti; egli si rivolge ai suoi lettori in modo semplice e confidenziale, talvolta umoristico. E’ questa la chiave del suo successo in quell’epoca che porterà, nel giro di vent’anni, al susseguirsi di altre quattordici edizioni curate esclusivamente dall’autore.
Non a caso si dice che il manuale artusiano, assieme al “Pinocchio” di Collodi e al “Cuore” di De Amicis, è uno dei capisaldi della cultura italiana ottocentesca. (P. Camporesi, nell’introduzione alla “Scienza in cucina” , Einaudi, 1991)

img_1954

img_1961

img_1973

Animato dagli ideali borghesi di decoro, moderazione e buon gusto, ebbe il grande merito di imporre, per la prima volta, una visione unitaria ed economica della cucina italiana e la sua importanza è indiscutibile. Selezionando dal ricchissimo patrimonio gastronomico delle varie regioni e dalla produzione libresca del passato, Artusi propose un modello di cucina nazionale che incontrò il favore del pubblico e che si impose alla lunga come punto di riferimento obbligato. Il suo libro di cucina diventa “L’Artusi” anche se il titolo è “La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene”.

img_2044

Per me è più difficile fare la spesa che cucinare perchè la spesa per una cena importante va fatta in modo oculato ed è fondamentale stilare una lista che escluda il superfluo o si perde del tempo inutilmente anche durante la preparazione e non da ultimo, prediligiamo l’acquisto di prodotti freschi e di qualità, torniamo alla “bottega sotto casa”. Nell’introduzione dell’Artusi troviamo un suo consiglio che non è fuori luogo: ” Non si vive di solo pane, è vero; ci vuole anche il companatico; e l’arte di renderlo più economico, più sapido, più sano, lo dico e lo sostengo, è vera arte. Riabilitiamo il senso del gusto e non vergognamoci di sodisfarlo onestamente, ma il meglio che si può, come ella ce ne da i precetti. “

p1280705-644

p1280733

p1280709

Durante la cena artusiana abbiamo conosciuto Isabella che ci ha fatto indossare le sue creazioni. Accessori interamente realizzati e cuciti a mano, dal supporto al decoro stesso che può essere un fiore di piume o una rosa di stoffa. Il procedimento di lavorazione segue le tecniche e le regole rigorose della modisteria che prevede la realizzazione dell’accessorio sulla persona stessa,  tenendo conto di come porta pettinati i capelli  o del tipo di acconciatura e di effetto che si vuole ottenere.

img_2373

Fin da giovane Isabella segue una passione che diventa un mestiere, la moda, la modisteria e il ricamo. A Bologna conosce i maestri da cui imparare: da alcuni le tecniche del ricamo d’alta moda a crochet, da altri apprende i segreti della modisteria. Apre un suo Atelier a Bologna e inizia un’avventura di successo nel mondo della moda visto dall’interno, cioè del “come si fa” che consiste nel proporre agli stilisti motivi e lavorazioni che vengono confrontati con le loro esigenze creative.

img_2141

img_2408

Sentirla raccontare è un divertimento, il suo raccontarti dell’ atmosfera febbrile che precede le sfilate è esilerante. Ricorda quando giorno e notte si fondevano in un tutt’uno, di quando l’abito di una cliente speciale arrivava con l’ autista della Maison che poi si metteva comodo nel salotto aspettado che fosse pronto per riportarlo in atelier a Milano, ancora più irreale per noi, il racconto di quando un’intera collezione prendeva un aereo per essere sdifettata a Parigi e rientrare in laboratorio l’indomani per proseguire il lavoro (lo Sdifettamento del capo e del modello è una fase molto delicata e importante nel ciclo della progettazione/produzione di abbigliamento).
Ci fu una top model ormai a fine carriera, ma che al tempo poteva permetterselo, che con i suoi capricci decideva il destino di un abito, racconta che per la notte degli oscar arrivavano i capi speciali, ricorda un Armani per Annette Benning,  un Ferrè per il nobel Franca Rame, ancora un Ferrè per Valeria Marini a Sanremo, o un Dolce e Gabbana per Sabrina Ferilli.

img_2302

Dopo anni di lavoro sempre più impegnativo e di difficoltà nel coinciliare le esigenze che la famiglia impone, Isabella decide di fare la mamma a tempo pieno e lascia il mondo dell’alta moda. Di li a poco un diverso scenario socio-politico cambierà le regole del mercato che porterà il lavoro sartoriale e di ricamo a spostarsi all’estero dove i costi di lavorazione sono molto più bassi.

img_2241

img_2397

img_2254tagliata

Oggi  le sue creazioni sono un passatempo, sono eleganti e spensierati momenti che passa nel suo piccolo laboratorio, recentemente ha iniziato una personalizzata produzione per pochissime clienti, di cappellini, fascinators e accessori in genere dal gusto retrò anni 40/50 che ha chiamato “Solo Mia”.
Il suo è un mestiere che oggi non fa più nessuno, è legato ad un stile e ad un’ eleganza che necessita di una cultura sociale oggi pressochè inesistente. E’ un mestiere fatto di pazienza, precisione, dedizione e creatività, per lei più che un mestiere è una vocazione che riemerge anche a distanza di tempo,  è un ispirazione in cui mescola tradizione manuale a modernità estetica conducendola inevitabilmente al bello del fatto a mano.

img_2326

img_2400

img_2290

Come dico sempre, oggi di cucina si sa tutto, non si inventa più nulla, tutti sanno cucinare, chi più e chi meno. Riprendere vecchie ricette come quelle artusiane non è facile, le ho modificate per renderle più leggere e accattivanti, leggermente più contemporanee. Forse il vero cultore dell’Artusi potrà criticare e pensare che non si toccano i testi sacri ma impegnarsi per fare rivivere una ricetta della fine dell’800 è amore per la cucina e dall’Artusi stesso credo sarebbe apprezzabile. Vi ricordo le parole di Artusi -che oggi suonano come premunitrici- di quando venne snobbato dall’ editore: “Dunque anche lei, perchè questo mio lavoro sa di stufato, sdegna forse di prenderlo in considerazione? Sappia però, e lo dico a malincuore, che con le tendenze del secolo al materialismo e ai godimenti della vita, verrà giorno, e non è lontano, che saranno maggiormente ricercati e letti gli scritti di questa specie; cioè di quelli che recano diletto alla mente e danno pascolo al corpo, a preferenza delle opere, molto più utili all’umanità, dei grandi scienziati”.
Le mie ricette sono state testate, provate e assaggiate, proprio come faceva Artusi. Il suo ricettario infatti, può essere considerato un manuale “scientificamente testato” perchè per la prima volta ogni ricetta pubblicata fu il frutto di prove e sperimentazioni.

img_2368

img_2152

Per un aperitivo che ho considerato praticamente un antipasto ho voluto provare a fare le Donzelline classiche 151/599 e le Donzelline aromatiche n. 180/599E’ un impasto molto semplice, le prime sono al latte mentre le altre sono aromatizzate alla salvia e impastate con l’aggiunta di un uovo. Tagliate in piccoli rombi si prestano bene per un momento informale e veloce, diversamene tagliate di dimensioni maggiori possono gustarsi con affettati e formaggio seduti al tavolo. Artusi consiglia: “Mi dicono siano molto buone gustate con fichi e prosciutto.” Ebbene, ho esiguito accostando alle mie Donzelline, fichi rossi freschi, fichi caramellati, prosciutto di Parma naturale e squacquerone. Le propone anche ripiene Donzelline ripiene di acciughe salate, n.179/599

img_2372

img_2366bis

Artusi nell’introduzione avverte il lettore con queste parole: “Non vergognamoci dunque di mangiare il meglio che si può e ridiamo il suo posto anche alla gastronomia. Infine anche il tiranno cervello ci guadagnerà, e questa società malata di nervi finirà per capire che anche in arte, una discussione sul cucinare l’anguilla, vale una dissertazione sul sorriso di Beatrice”.  Le spiegazione delle ricette che seguiranno in coda al post non corrispondono esattamente a quelle originali ma sono le mie libere interpretazioni.

p1280823

img_2447jjuju

p1280830

La prima portata della cena è stata la Zuppa di ovoli n. 33/790,  scelta anche in questo caso per l’introduzione: ” Al tempo dei funghi potete servire questa minestra in un pranzo anche signorile che non vi farà sfigurare.”
Purtroppo ovoli non sono stati perchè non li ho trovati, sembra essere diventato un fungo piuttosto raro, io ho utilizzato Porcini e Pioppini freschissimi. Alla base della ricetta originale oltre ai funghi c’è la stracciatella che ho evitato di fare nel modo classico senza però rinunciare al sapore del parmigiano e dell’uovo nel brodo di verdure, brodo che dovrà essere pieno di profumi per non banalizzare la portata.

p1280800

img_2449

p1280785

La seconda portata è il Filetto alla parigina, n. 341/790.  “Poichè spesso sentesi chiedere nelle trattorie il filetto alla parigina, forse perchè piatto semplice, sano e nutriente, bisognerà pur dirne due parole e indicare come viene cucinato”, per Artusi il filetto è servito alla parigina se la carne è tagliata dal macellaio  ” .. a braciole rotonde” , precedentemente cotta in padella con il burro, e ha sopra una salsa densa anche solo ottenuta da un buon brodo in cui stemperare un pò di farina. Ebbene anche in questo caso, ho seguito le sue direttive ricoprendo il filetto cotto nel burro con una salsa ottenuta da uva rossa centrifugata, ho completato la portata con frutti di bosco al basilico.

p1280788

img_2477

img_2479

Per dessert ho servito due ricette Le tazzine n. 686/790 con le Ofelle al marzapane n. 470/599 da tuffarci dentro.
La ricetta che Artusi chiama Le Tazzine è in concreto una crema alle mandorle da servire dentro a delle tazzine: “E’ un dolce molto delicato che si serve come tutti gli altri dolci verso la fine di un pranzo, in tazza più piccole di quelle da caffè, una per persona, e perciò chiamasi le Tazzine”. Per ottenere la crema non ho usato l’acqua come da ricetta astusiana ma il marsala, ed è questa l’unica modifica, ho seguito invece il suo consiglio in merito alla tempistica di preparazione: “E’ un dolce che preparato anche qualche giorno avanti non soffre”.

p1280810

p1280812

p1280817

Le ofelle sono delicatissimi ravioli di pasta frolla con una farcia al marzapane, ne propone un altra versione alla marmellata. La frolla la si può scegliere tra le tre consigliate al n. 451/599, io ho scelto la seconda (ricetta B), mentre il marzapane artusiano è al n.444/599 e prevede l’aggiunta di scorza di arancio.
Mi stupisce l’introduzione a questa ricetta che è estremamente attuale e pensando che si tratta di un pensiero scritto alla fine dell’800 mi viene da pensare non solo che nulla è cambiato, ma che mai nulla cambierà: “La parola ofella, in questo significato, è del dialetto romagnolo e, se non sbaglio, anche del lombardo, e dovrebbe derivare dall’antichissima offa, focaccia, schiacciata, composta di farro e anche varie altre cose. -Dar l’offa al cerbero- è una frase che  ha il merito dell’opportunità parlandosi di coloro, e non son pochi oggigiorno, che danno la caccia a qualche carica onde aver modo di riceverla e mangiare sul tesoro pubblico a quattro ganasce. Ma torniamo alle ofelle che sarà meglio.”

img_2496

img_2500

Per chiunque sia interessato alla storia della nostra gastronomia, Artusi è una lettura obbligata, fu proprio Artusi a consolidare il connubio pasta-sugo di pomodoro, prima di lui, infatti, in nessun altro manuale di cucina si trova quello che sarebbe diventato il piatto simbolo della cucina italiana.
Valutando però il manuale da un punto di vista esclusivamente gastronomico, cioè a prescindere dal suo valore storico e culturale, mi viene da fare una critica in quanto il modello di cucina italiana che Artusi propone è  limitato e parziale, di fatto non rappresentativo della straordinaria varietà della nostra cucina, ignora la Puglia, la Sardegna e le Marche, conosce poco la Sicilia e il Piemonte. Predilige e conosce meglio le ricette della Toscana, dove visse a Firenze per quasi tutta la sua vita e quelle della Romagna, dove nacque e vi rimase fino al 1851.
Affermare che oggi l’Artusi oggi abbia perso molto del proprio fascino gastronomico, mi sembra legittimo,  “La scienza in cucina” appare molto datata e non è stato facile eseguire le sue ricette. Credo che sia un testo che va letto, studiato  e gustato selezionando e modificando con cura le ricette; personalmente prediligo la parte relativa ai biscotti e ai dolci.
Su ogni scaffale di chi ama la cucina dovrebbe esserci un’edizione ma oggi giorno considerarlo la bibbia della cucina italiana significherebbe non apprezzarlo e non rendergli giustizia. Appartine ad un altro stile di vita, di un altra epoca, un’altra cultura del mangiare: troppe uova, troppo zucchero, troppi grassi.

p1280787

Alla fine dell’introduzione al libro “La scienza in cucina”, Pellegrino Artusi conclude con una affermazione profetica che amo particolarmente:” Stanno per finire i tempi delle seducenti e lusinghiere ideali illusioni e degli anacoreti; il mondo corre assetato anche più che non dovrebbe, alle vive fonti del piacere, e però che potesse e sapesse temperare queste pericolose tendenze con una sana morale avrebbe vinto la palma”.  E userò le sue stesse parole per i consueti ringraziamenti: “Pongo fine alla mia cicalata non senza tributare un elogio e un ringraziamento ben meritati…” alle 9 donne che hanno contribuito alla realizzazione di questo post, per le fotografie eseguite e per essersi fatte fotografare, per pulire le verdure e per lavare i piatti, per i consigli di moda.

img_2412-644

Donzelline e Donzelline aromatiche

Donzelline
100 gr di farina
Una noce di burro
Latte quanto basta ad impastare
Pizzico di sale
Olio per friggere
Donzellette aromatiche
180 gr di farina
Due cucchiai di olio extravergine
Due cucchiai di marsala o di vino bianco
6 foglie tritate di salvia
Un uovo
Pizzico di sale
Olio per friggere.

La procedura di esecuzione è la stessa:
Impastare gli ingredienti, lasciare riposare l’impasto e tirare con il matterello fino ad ottenere una sfoglia alta circa 3-4 ml. Tagliare a piacere e friggere in olio abbondante e molto caldo.

Zuppa di funghi

Per 10 persone
1Kg di funghi gia puliti (vedi considerazioni sopra, porcini e pioppini nel mio caso)
80 gr di lardo tritato
Uno spicchio di aglio
Un pugno abbondante di prezzemolo fresco
3 uova
100 gr di Parmiggiano Reggiano
2 liri di brodo di verdure buonissimo e denso
mezzo bicchiere di panna fresca
olio extravergine
8 fette di pane pugliese
Una noce di burro
Pepe

Preparare il brodo di verdure, salato, profumato e denso.
Pulire i funghi e tagliarli a fettine.
Tagliare il pane a cubetti e abbrustolirli in padella con una noca di burro.
Sbattere le uova e aggingere il parmigiano.
Soffriggere il lardo con lo spicchio di aglio schiacciato e il prezzemolo, aggiungere i funghi e lasciare cuocere, se occorre aggiungere del brodo per terminare la cottura. Salare.
Al momento di servire portare a bollore il brodo, spegnere e aggiungere le uova sbattute con il parmigiano, salare se occorre. Lasciare riposare fino a che l’uovo non farà la stracciatella, aggiungere la panna liquida e frullare. Addensare leggermente, dovrà comunque rimanere un brodo non una crema.
Versare nella fondina, aggiunger i funghi caldi e i crostini, completare con un filo di olio exravergine di oliva e una macinata di pepe.

Filetto alla parigina con salsa all’uva rossa e frutti di bosco al basilico.

Per 10 persone
10 filetti di vitello tagliati alti circa un dito e mezzo
3 grappoli di medie dimensioni di uva rossa senza semi
Due cucchiai di maizena
Un cestino di mirtilli
Un cestino di lamponi
Un cestino di more
4-5 foglie di basilico

Centrifugare i chicchi di uva, scaldare il liquido ottenuto e addensare con due cucchiai rasi di maizena setacciata.
Pulire i frutti di bosco e tirarli in padella con una noce di burro, un pò di  acqua e con le foglie di basilico fino a che non si sono appasiti. Otteremo un sughetto rosso vivo.
Scottare in una padella calda e a fiamma viva i filetti di vitello da ambo i lati in circa 100 gr di burro. Salare. Aggiungere la salsa all’ uva ai filetti e finire la cottura scuotendo la padella.
Comporre il piatto aggiungendo al filetto la sua salsa e i frutti di bosco. A piacere un filo di olio di oliva extravergine. 

Le tazzine

Per 10 persone
200 gr di zucchero
60 gr di farina mandorle
10 tuorli d’uovo
100 cl di marsala
Qualche goccia di essenza ai fiori di arancio
Mezzo cucchiaino di cannella.

Separare i tuorli dalle chiare.
Asciugate e tostate leggermente nel forno la farina di mandorle.
Riporre in una casseruola lo zucchero e il marsala, mettere sul fuoco e portare a bollore facendo attenzione a non caramellare. Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire, riponete sul fornello a fiamma bassissima in modo da mantenere la temperatura dello sciroppo costante, in questa fase  azionate un frullatore e buttate i tuorli uno alla volta senza mai smettere di sbattere. Senza fare impazzire le uova montate il composto a spuma, dovrete ottenere una crema densa simile allo zabaglione. Togliete dal fuoco, aggiungete la farina di mandorle fredda e gli aromi. Amalgamate bene e versate nelle tazzine.

Ofelle al marzapane

Per ca. 30 ravioli ottenuti da dischi di 8 cm di diametro
Per la pasta frolla
250 gr di farina
125 gr di burro
110 gr di zucchero
2 uova
Per il marzapane
120 gr di farina di mandorle
100 gr di zucchero
15 gr di burro
15 gr di arancio candito

Preparare la frolla impastando tutti gli ingrdienti avendo l’accortezza di lasciare precedentemente il burro ad ammorbidirsi a temperatura ambiente. Quando gli ingredienti avranno formato un impasto compatto, lasciare riposare i frigorifero.
Accendere il forno a 200 gradi.
Preparare il marzapane amalgamando in un mixer gli ingrdienti sopra elencati,
Formare dei dischi di circa 8 cm e riporvi sopra una pallina generosa di marzapane, chiudere a mezza luna.
La dose della frolla rispetto al marzapane è leggermente superiore per cui ne rimmarete, potrete eventualmente riporla nel congelatore per poter fare in un secondo momento dei semplici frollini.
Infornare i ravioli a 180 gradi per circa 20 minuti fino a che il biscotto non avrà preso colore.

Biscotti da inzuppare

440 gr di farina manitoba 
160 gr di fecola
160 gr di zucchero a velo
160 gr di burro
n. 2  chiare d’uovo.
Latte

Ammorbidire a temperatura ambiente il burro.
Amalgamare tutti gli ingredienti, aggiungendo qualche cucchiaiata di latte quanto basta per ottenere un impasto morbido e compatto. Fare riposare in frigorifero almeno due ore.
Quando sarà ben sodo formare tre cilindri uguali di circa 5 cm di diametro. Rimettere in frigorifero per ridargli la consistenza soda.
Scaldare il forno a 180 gradi.
Affettare i cilindri per ottenere dei dischi dello spessore di mezzo centimetro. Ne otterrete circa una trentina, si conservano molto bene in un contenitore ermetico.
Infornare per 10 minuti, fino a che il bordo dei biscotti si sarà leggeremente inscurito.

img_2413

Scatole e Cappelliere “Le Parisienne”
di Simona Xella,
Appuntamento con il decoro
Cappellini e Fascinetors
di Isabella Landini
FOTO:
Vanessa Vivoli e di Simona Xella
Consigli di moda: Cristina Castellari

Bibliografia

“Archivio della moda del novecento”,
Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo.

“La cucina Bricconcella, 1891/1991.
Pellegrino Artusi e l’arte di mangiar bene cento anni dopo”
Grafis Edizioni.

“Artusi 2000”, Giunti (per le ricette fino a n. 790)
“La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”,
Pellegrino Artusi, Firenze 1920-III Edizione (per le ricette fino a n. 599)

Dozza, 31 ottobre 2016

commenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.